“Idee, innovazione, impresa”

IMG_1957_compressedPalermo, 30 settermbre 2016 – di Roberto Oriti –

“Idee, innovazione, impresa”. Promosso dall’associazione studentesca                           Butterfly for University, in collaborazione con la startup InEmbryo,
l’evento ha visto la presenza del presidente dell’Ersu Palermo, Alberto
Firenze, del direttore dell’Agenzia Nazionale Giovani, Giacomo D’Arrigo, del
Direttore MIUR USR per la Sicilia – Ufficio I Ambito Territoriale di Palermo,
Maria Luisa Altomonte.
In occasione dell’evento “Idee, innovazione, impresa” i docenti e gli studenti
hanno presentato le loro attività di alternanza scuola-lavoro e di contrasto
alla dispersione scolastica.
Durante la giornata sono state presentate alcune delle realtà innovative del panorama
palermitano, tra le quali, la piattaforma di impresa simulata XCamp, che ha            spiegato quanto sia importante oggi fare rete e fare proprio il concetto di impresa e
auto-imprenditorialità, la piattaforma di crowdsourcing InEmbryo, che ha anche
raccontato il progetto sulla dispersione scolastica appena concluso, presentando      l’ebook realizzato insieme agli studenti della Scuola Media “Cosmo Guastella”.

A conclusione, i ragazzi hanno potuto sperimentare la realtà aumentata grazie         all’ETT, industria digitale e creativa che ha mostrato loro, attraverso l’ausilio dei loro     visori 3d, di quanto è possibile fare con questa realtà in piena espansione.

Evento Alternanza scuola-lavoro ANG – Stati generali DSU

Locandina_30

Il 30 settembre l’associazione studentesca Butterfly for University, in collaborazione con InEmbryo, organizza l’iniziativa, presso l’ Università degli studi di Palermo,parallelamente agli stati generali per il Diritto allo Studio, dal titolo“Idee, Innovazione e Impresa”.Tale iniziativa intende promuovere percorsi di formazione e sensibilizzazione all’autoimprenditorialità e all’innovazione. Durante i lavori, che si terranno all’interno della cittadella universitaria dell’Università di Palermo (Edificio 19 plesso c), saranno presentate anche delle buone pratiche di alternanza scuola lavoro e di contrasto alla dispersione scuolastica.Inoltre saranno invitati a partecipare alle attività sia del 30 settembre sia del “HAKATHON FOOD” , gli studenti degli istuti superiori di Palermo e provincia a cui le ore svolte saranno riconosciute come ore di alternanza scuolo-lavoro.

E….. Stiamo Ancora Insieme

stampa (717x1024) E…stiamo ancora insieme, il progetto avviato e portato a temine durante l’estate, in collaborazione con la Direzione Didattica 2° Circolo “V. Landolina” Misilmeri e lo staff di InEmbryo, ha avuto come obiettivo quello di far vivere e conoscere la scuola agli alunni, nel periodo estivo e quindi di meritata vacanza,in un modo diverso da quello a cui sono abituati, sperimentando e partecipando e  attività extra-curriculari come appunto il Laboratorio Pittorico e Multimediale.

I ragazzi si sono impegnati tantissimo, dimostrando interesse ed attitudine ai lavori di gruppo, riflettendo su temi fondamentali come ” La Misilmeri che vorrei ” stimolando il loro interesse e sviluppando idee utili e anche, perché no, realizzabili come ad esempio la possibilità di avere spazi verdi, piste ciclabili e meno inquinamento.

Durante la cerimonia di chiusura i bambini hanno presentato i loro elaborati, cornici realizzate con cartone riciclato, dipinti con colori a tempera e disegni con vignette che riportavano messaggi di solidarietà e d’incitamento a migliorare le condizioni del nostro paese.

In fine pensiamo che cominciando a stimolare i bambini fin da quest’età a riflettere sulle loro idee, a  scoprire i loro interessi, a seguirli ed incitarli attraverso attività simili, si può creare in loro una coscienza civica che un giorno li renderà dei cittadini responsabili .

Online il bando per i test d’accesso ai corsi d’Ingegneria

UNIVERSITA_001_CITTADELLA-UNIVERSITARIA_GEN10_JPEG-HI-RES_PH.-GAIA-ANDERSON_IMG_0330

Mentre gli esami di maturità volgono al termine l’Università si prepara ad accogliere gli studenti che intendono continuare gli studi.
Nella fattispecie il 1 Luglio 2016 è stato reso noto il bando per l’accesso ai corsi di laurea di Ingegneria.
I corsi di laurea, a numero programmato, per i quali è bandito il concorso, per esami, sono:
• PA – Ingegneria Gestionale e Informatica – 129 posti rimanenti
• PA – Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni – 102 posti rimanenti
• PA – Ingegneria Chimica – 125 posti rimanenti
• PA – Ingegneria Gestionale – 90 posti rimanenti
• PA – Ingegneria Meccanica – 91 posti rimanenti
• PA – Ingegneria dell’Energia – 132 posti rimanenti
• PA – Ingegneria Biomedica – 84 posti rimanenti
Invece i corsi di laurea, a numero aperto, ai quali bisogna obbligatoriamente partecipare al test (per superare l’ofa ed iscriversi al corso) sono:
• PA -Ingegneria Civile ed Edile
• PA -Ingegneria per l’Ambiente ed il Territorio
• PA -Ingegneria Elettronica
• PA -Ingegneria Cibernetica
• CL -Ingegneria Elettrica
Per poter affrontate il test d’ammissione bisogno essere in possesso dei seguenti requisiti:
• diploma quinquennale rilasciato da un istituto di istruzione secondaria di secondo grado
• I candidati comunitari ovunque residenti e quelli non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia, di cui all’art. 39, comma 5, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n° 286, così come modificato dall’art. 26 della legge 30 luglio 2002, n° 189, in possesso di un titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto equipollente al diploma di scuola secondaria di secondo grado che si consegue in Italia, accedono alla prova nello stesso contingente riservato ai cittadini italiani
• Possono, altresì, partecipare al test i cittadini non comunitari residenti all’estero in possesso di un titolo di studio conseguito all’estero valido per l’immatricolazione alle Università della Nazione di appartenenza e riconosciuto equipollente al diploma di scuola secondaria di secondo grado che si consegue in Italia, conseguito con almeno 12 anni di scolarità. Per i corsi a numero programmato ad essi è riservato il contingente di posti riportato all’articolo l.
• Per i cittadini non comunitari residenti all’estero, in sostituzione del test, è previsto un colloquio di cultura generale in lingua italiana sulle aree del sapere di cui all’Allegato A del presente bando. Saranno ammessi al colloquio solo coloro che avranno superato la prova preliminare di conoscenza della lingua italiana che avrà luogo alle ore 8:30 il giorno 2 settembre 2016, presso l’aula “Michele Capitò” della Presidenza della Scuola Politecnica, Viale delle Scienze, Edificio 7, piano terra. Al termine di questa prova, e in caso di superamento di quest’ultima, nella stessa aula si svolgerà il colloquio di cui sopra.Tutte le disposizioni riguardanti l’accesso degli studenti stranieri potranno essere assunte consultando le “Norme ministeriali per l’accesso degli studenti ai corsi universitari anno accademico 2016117” a cui ci si richiama integralmente, sul sito del MIUR (LINK www.studiare-in-italia.it/studentistranieri).
• Non sono ammessi alla prova coloro che si sono già immatricolati in seguito alla partecipazione alla procedura anticipata di selezione, per l’accesso ai corsi di laurea di cui al presente bando, svoltasi nel mese di maggio (TOLC).

Per poter partecipare ai test bisogna seguire questi semplici passaggi:
1. Registrarsi al Portale Studenti Unipa ;
2. Cliccare su “Pratiche Studente” -> “Nuova Pratica”;
3. Selezionare “Concorsi ed Immatricolazioni” e cliccare su “Domanda di partecipazione a concorso per Corsi di Laurea a numero programmato”;
4. Compilare la pratica on-line specificando l’ordine di preferenza dei Corsi di Laurea in Ingegneria (si possono esprimere fino ad un massimo 12 preferenze tra i diversi corsi di laurea)
5. Stampare il MAV di pagamento generato a conclusione della guida

Il MAV, che una volta pagato non potrà essere rimborsato, può essere pagato in un qualunque sportello del Banco di Sicilia -UniCredit Group (ad eccezione della Agenzia 33 di Palermo – Parco d’Orleans) inderogabilmente entro l’orario di chiusura degli sportelli bancari del giorno 19 agosto 2016. Il pagamento del Mav può anche essere effettuato on line sempre entro e non oltre il 19 agosto 2016.
Il test per i corsi di laurea di cui al presente bando si terrà il giorno 1 settembre 2016, con inizio alle ore 10:00. Saranno rese note, mediante pubblicazione sulla pagina web http://www.unipa.it/amministrazione/area1/ssp10/ le sedi di svolgimento della prova e l’assegnazione dei candidati alle rispettive sedi e aule. Gli interessati non riceveranno alcuna ulteriore comunicazione in merito alle sedi di svolgimento della prova.

Tutti i candidati saranno tenuti a presentarsi alle ore 8:00 nelle sedi indicate per le procedure di riconoscimento. I candidati potranno essere ammessi alla prova concorsuale previa esibizione di un documento di identità personale in corso di validità. Qualora il candidato non dovesse figurare nell’elenco degli ammessi alla prova, condizione necessaria per l’ammissione, con riserva, sarà l’esibizione della ricevuta di pagamento della tassa di partecipazione al concorso (MAV).

La prova consiste nella soluzione di n. 80 quesiti, che presentano cinque opzioni di risposta, relativi alle cinque aree seguenti:

• Logica (15 quesiti)

• Comprensione verbale (15 quesiti)

• Matematica 1 (20 quesiti)

• Scienze fisiche e chimiche (20 quesiti)

• Matematica 2 (10 quesiti)

Per lo svolgimento del test è assegnato un tempo di 2 ore e 30 minuti.
Non è consentito lasciare l’aula prima di 30 (trenta) minuti dalla conclusione della prova tranne che in quei casi ritenuti eccezionali ad insindacabile giudizio della Commissione d’aula.
Il risultato del test, ad esclusione della sezione di lingua inglese, è dete1minato come segue:
• Risposta corretta: l punto;
• Risposta errata: -0,25 punti;
• Risposta non data: O punti.
Nell’ambito della prova è presente anche una sezione di verifica della conoscenza della lingua inglese che comporta 60 quesiti e 30 minuti aggiuntivi.
Il risultato della sola prova di conoscenza della lingua inglese è determinato come segue:
• Risposta corretta: l punto;
• Risposta errata: O punti;
• Risposta non data: O punti.
L’esito della sezione di lingua inglese non incide sulla valutazione prevista dal presente bando e sostituisce l’accertamento linguistico previsto dal corso di studio se il punteggio riportato è maggiore o uguale a 14.
Le prime graduatorie di merito, una per ciascun corso di laurea a numero programmato, e gli elenchi degli aventi diritto all’immatricolazione, uno per ciascun corso di laurea ad accesso libero, saranno rese note entro il 12 settembre 2016 sulla pagina web http://www.unipa.it/amministrazione/area1/ssp10/
La procedura di immatricolazione, da effettuarsi esclusivamente on line, dovrà essere effettuata a partire dal 14 settembre 2016 ed entro il 21 settembre 2016 (incluso il pagamento delle tasse di immatricolazione).

La consegna della documentazione cartacea della domanda di immatricolazione dovrà avvenire entro le ore 13:00 del 30 settembre 2016 presso la Segreteria Studenti della Scuola Politecnica – Viale delle Scienze- edificio 3- 90128 Palermo o presso le segreterie remote dei Poli decentrati.

La domanda di scorrimento, da presentarsi esclusivamente on line, dovrà essere compilata a partire dal 14 settembre 2016 ed entro il 21 settembre 2016.

A seguito delle domande di scorrimento, le graduatorie e gli elenchi aggiornati saranno pubblicati, entro il 27 settembre 2016, sulla pagina web http://www.unipa.it/amministrazione/areal/ssp10/

Noi della Butterfly For University siamo a completa disposizione degli studenti che accingono ad entrare a contatto con l’Università. Vi invitiamo inoltre a prendere visione nella sua interezza del bando, il quale rappresenta l’unica fonte ufficiale.

Bando Ingegneria – 2016/2017

Contatti:
Facebook: Butterfly For University
Mail: butterflyforuniversity@gmail.com
Presso l’auletta Butterfly – Run, sita al terzo piano dell’edificio 8

Edificio 8, le associazioni Run, Butterfly for University e Vivere Ingegneria chiedono la videosorveglianza

telecamera-20150214-100233

In considerazione dei continui atti vandalici perpetrati negli ultimi mesi nei corridoi del 2° e 3° piano dell’edificio 8 della Scuola Politecnica, le associazioni studentesche Butterfly for University, Run e Vivere Ingegneria hanno richiesto l’installazione di videocamere di sorveglianza per la protezione dei suddetti luoghi e degli spazi comuni adibiti a “spazi studio” che negli stessi hanno sede.

Di seguito riportiamo copia della richiesta, auspicando che la stessa possa essere presa in seria considerazione, al fine di dare una risposta certa e immediata ad atti che in alcun modo possono restare impuniti.

Richiesta VideoSorveglianza

 

Concorso fotografico e di cortometraggi: Safety on the Road

AVVISO: A fronte delle numerose richieste pervenute, il 31 ottobre 2013 si è deciso di prorogare la data ultima per la presentazione delle opere del concorso fino al 30 novembre 2013. È dunque possibile consegnare gli allegati presso l’Ufficio Protocollo al primo piano della Facoltà d’Ingegneria (Edificio 7 – Viale delle Scienze) o presso l’Auletta Butterfly al terzo piano (Edificio 7 – Viale delle Scienze)

La presidenza della Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Palermo, con la collaborazione della Fondazione Marida Correnti, del gruppo di Trasporti del Dipartimento DICAM,dell’associazione culturale Butterfly For University e con il contributo dell’Assessorato Regionale dell’istruzione e della Formazione Professionale della Regione Siciliana è lieta di invitarvi al Concorso fotografico e di cortometraggi dal titolo “SAFETY ON THE ROAD: la sicurezza stradale e i punti critici”.
Il concorso è aperto a tutti coloro i quali siano inseriti o interessati al mondo della fotografia e della cinematografia, sia amatori che professionisti.
L’obiettivo è quello di dare la possibilità di esprimersi  artisticamente su un tema molto delicato e fondamentale per l’educazione civica, dando spunto per un vostro personale punto di vista sulla questione della sicurezza stradale e sui punti salienti dell’argomento.
Una giuria d’eccellenza assegnerà ai vincitori dei premi in denaro da poter spendere presso i principali punti vendita di materiale fotografico e video, della città, oltre ai dovuti riconoscimenti.

 

I premi

Primo classificato: 600 €;
Secondo classificato: 300 €;
Terzo classificato: 100 €

La Giuria

La giuria tecnica sarà composta da:
Prof. Rino Schembri (Docente di Storia e Critica del cinema, presso l’università degli studi di Palermo)
Prof. Gianfranco Spatola (Reporter e docente di fotografia  presso l’università degli studi di Palermo).
Dott. Marco Maria Correnti (Regista, attore e collaboratore presso il laboratorio Universitario Multimediale L.U.M- Michele Mancini)
Giuseppe Gigliorosso (Regista e Giornalista RAI).

Qui è possibile scaricare il bando e i suoi allegati:
Bando
Allegato 1
Allegato 2
Allegato 3
Allegato 4

Per info e chiarimenti vienici a trovare in Auletta Butterfly

Successo storico della Run Giurisprudenza: Contento il più votato del foro

La vittoria più brun giurisprudenza 1ella, una prova di forza senza precedenti, un successo che inorgoglisce la Rete Universitaria Nazionale: questo è il verdetto delle urne della facoltà di Giurisprudenza. Il sodalizio RUN-Vivere è stato premiato ancora una volta dagli studenti. Sono stati ben sei i candidati della Run eletti e due quelli di Vivere. Otto su otto, dunque, ma non basta per tracciare le linee di un successo storico perché gli otto candidati che hanno ottenuto il maggior numero di consensi sono proprio quelli espressi dall’alleanza RUN-Vivere: Alessandro Contento è il primo degli eletti con ben 346 preferenze. A seguire, Maria Mandalà con 318 voti, Andrea Chiabra con 314 voti, Giorgio Alesi con 313 voti, Alfonso Mangione con 304 preferenze e Kevin Atria con 287 voti. I candidati di Vivere, Tiziana di Trapani e Carlo Terrana, hanno ottenuto rispettivamente 332 e 313 preferenze. Il risultato ottenuto lascia in bocca il gusto dolce di una vittoria commovente perché costruita sulla stima dei tanti amici e colleghi che hanno apprezzato la nostra serietà, il nostro impegno e il nostro modo di rappresentarli. La rappresentanza degli studenti di Giurisprudenza è in mani sicure, quelle di chi lavorerà con profonda dedizione per non tradire la vostra fiducia.

Run Giurisprudenza

 

Norman Zarcone, un gesto da non dimenticare

Sono trascorsi tre dolorosissimi anni da quando Norman Zarcone, laureato col massimo dei voti in Filosofia della Conoscenza e della Comunicazione prima, e in Filosofia e Storia delle idee poi, e dottorando in Filosofia del linguaggio, ha deciso di compiere un gesto tragico, estremo, straziante: togliersi la vita lasciandosi cadere dal settimo piano della Facoltà di Lettere e Filosofia. I giornali, col loro impareggiabile e colpevole, perché complice del sistema, stile asettico e distaccato, svuotarono di contenuto la più triste delle vicende: una storia di sofferenza per una meritocrazia offuscata e oltraggiata dalle baronie universitarie e di precariato cui sono destinate tante eccellenze del panorama universitario nazionale che non vogliono scendere a compromessi con logiche mafiose, clientelari e parassitarie. Norman non lo ha fatto, i suoi valori e la sua formazione culturale glielo impedivano, piuttosto ha preferito, nell’acme della frustrazione e dell’angoscia, raggiungere l’ultimo piano della sua facoltà, di quel luogo in cui aveva sacrificato gli anni migliori della giovinezza, per mettere in atto la più radicale forma di protesta contro un mondo accademico reso marcio dai baronati. Norman ha scelto di opporsi, in maniera chiara e univoca. “Compare, la libertà di pensiero è anche la libertà di morire” così scrisse a un amico, avendo già maturato nel suo cuore, l’atroce decisione. Il Comune di Palermo, i familiari e gli amici hanno voluto tributargli una giornata commemorativa nel corso della quale gli è stata intitolata una strada, la “Rotonda Norman Zarcone”. Nel pomeriggio poi è stata celebrata la Santa Messa in sua memoria presso la Parrocchia San Giovanni Bosco di Palermo e alle 19 una fiaccolata è partita dalla Facoltà di Lettere e Filosofia per giungere allo “Spazio Generazione Norman”, dove in serata è stata portata in scena la drammatica storia di Norman. La giornata è stata ricca di spunti di riflessione. Norman Zarcone è diventato il simbolo di una generazione che non vuole più chinare il capo dinanzi alla volgarità del sistema, lottando per normalizzare cioè che in Italia è l’eccezione, il successo della meritocrazia. In questo modo Norman ha sconfitto la morte.

 

L’associazione Butterfly for University esprime tutta la sua vicinanza ai familiari e amici di Norman Zarcone, impegnandosi quotidianamente nell’Ateneo di Palermo affinché  il suo tragico sacrificio non venga dimenticato.

“Notte bianca della legalità”: Butterfly protagonista tra “Legalab” e Infopoint

Una notte settembrina, l’aria frizzante, Misilmeri, animata da un’energia positiva di rara intensità, sfavilla. La vedi lì adagiata alle pendici del castello, sembra un immenso teatro all’aria aperta. Piazza Comitato, illuminata da un lento ma inesorabile susseguirsi di luci e colori luccicanti, si trasforma in un palcoscenico pronto ad accogliere gli attori protagonisti. Non c’è tensione sui loro volti ma tanta gioia. Lo spettacolo è pronto, si apre il sipario, va in scena il secondo atto della “Notte bianca della legalità”. Sotto la regia sapiente dell’associazione Misilmeri è viva, numerose realtà associazionistiche operanti secondo modalità diverse sul territorio misilmerese hanno animato l’intero percorso, invaso da persone divertite, compiaciute e, soprattutto, sensibili alla tematica della legalità. L’associazione Butterfly si è distinta su tutte per aver dato vita, insieme a Libera, Archè, alla neonata Sicilitudine e al gruppo “Posteggiamo i posteggiatori”, al laboratorio artistico “Legalab”, situato dinanzi alla suggestiva Fontana Grande. Uno spazio creativo all’avanguardia pensato per rendere concretamente partecipe la cittadinanza. Un’idea innovativa e molto gradita, visto l’elevato numero di persone che hanno sentito quasi l’urgenza di lasciare un segno attraverso una frase particolarmente significativa o un disegno pieno di vita e speranza. C’è chi cita i compianti Falcone e Borsellino, chi, da misilmerese, si definisce orgoglioso di essere concittadino di Rocco Chinnici, e c’è un bimbo che sogna la pace mentre la madre quasi commossa lo tiene per mano, segno tangibile che un’educazione familiare e scolastica fondata sui valori di giustizia e legalità determina la formazione di cittadini liberi e dotati di spirito critico fin dall’infanzia. L’ideatrice del “Legalab”, descritta da molti come “una piacevolissima sorpresa”, è Federica Cannella, membro storico dell’associazione . Lei, umile e riservata, però, non parla di meriti personali:” Ci tengo a precisare che la nostra è stata un’attività di gruppo, tutti hanno contribuito con le proprie idee e con le proprie braccia. L’idea del progetto è nata all’interno di un cerchio di associati ma soprattutto di amici. Mi sono limitata a raccontare la mia esperienza di quest’anno alla Biennale di Venezia durante la visita del padiglione palestinese, in cui due artisti emigrati, Bashir Makhoul e Aissa Deebi, si sono impegnati in nuovi modi di pensare o immaginare la loro nazione al di fuori del conflitto tramite la costruzione di una città fatta di scatole incise. Il resto è venuto fuori da solo. Ogni cittadino è stato invitato da noi ragazzi a scrivere o disegnare su delle scatole e a posizionarle all’interno dello spazio antistante la Fontana Grande. Il risultato è stato quello di una costruzione collettiva, con moduli architettonici di cartone, di un paese alle cui fondamenta stanno i principi della legalità”.
La Butterfly non si è però fermata al “Legalab”. La sua partecipazione, infatti, è stata resa maggiormente pregnante e significativa da due Infopoint, “Liberi di essere liberi dalla droga” e “Università: orientamento ed accoglienza”, adibiti tra il palco e la Fontana Grande. Se il primo era dedicato ad una tematica chiaramente collegata alla legalità, il secondo, realizzato in collaborazione con la Rete Universitaria Nazionale, testimoniava le radici dell’associazione Butterfly for University, nata per seguire e sostenere gli universitari locali prima ancora di diventare protagonista di un lavoro di valorizzazione del territorio e delle giovani eccellenze che lo animano. Quando è calato il sipario su questo secondo atto della “Notte bianca della legalità”, i protagonisti si sono scoperti esausti ma con una grande gioia nel cuore, la felicità di aver dato un contributo decisivo alla realizzazione di un evento impeccabile e mai banale, così come lo è stata la partecipazione del pubblico.                                                Le foto della serata
                                                                                      Pietro Distefano
La Butterfly for University ringrazia sentitamente per il preziosissimo contributo offerto:

Misilmeri è viva

Rete Universitaria Nazionale
Sicilitudine
Libera
Arché
Posteggiamo i posteggiatori

La Butterfly for University e le associazioni organizzatrici tutte intendono dedicare il duro lavoro svolto e il grande successo ottenuto a un carissimo amico, compaesano e collega, Giuseppe Lo Franco, che ha lottato per diciannove lunghissimi mesi contro un brutto male, venendo tristemente a mancare nelle ore conclusive della manifestazione. Le associazioni si uniscono al cordoglio della famiglia per la scomparsa prematura di Giuseppe. Ciao “Coppi”

Unipa apre le porte: agevolazioni per i meritevoli e i meno abbienti, stangata per i fuori corso

L’Università di Palermo apre le porte agli studenti e lo fa in un modo più unico che raro nel panorama accademico nazionale: premiando gli studenti meritevoli e i meno abbienti. Una netta inversione di tendenza che potrebbe aprire un circolo virtuoso in un momento in cui la crisi economica ha fatto registrare allarmanti picchi del 20% di iscrizioni in meno al Sud rispetto al periodo immediatamente precedente alla recessione. Dopo anni caratterizzati da nefasti tagli all’università e alla ricerca, nel corso dei quali lo slogan “Con la cultura non si mangia” era divenuto l’inquietante pietra miliare di certa politica nostrana che non perdeva occasione per calpestare il diritto allo studio in quanto veicolo di riscatto sociale ma soprattutto di una coscienza civica più matura e critica, avviene che, per una volta, l’ateneo di Palermo si erige a modello da imitare senza riserve in quanto i bisogni delle famiglie numerose e meno danarose, nonché degli studenti più meritevoli, dunque delle eccellenze in fieri che potrebbero, nel prossimo futuro, rendere grande il nostro Paese, divengono per una volta la priorità. Continua a leggere